Upselling nell’Arte, oggi è possibile?

Upselling nell’Arte, oggi è possibile?

Benedetto sia il ventunesimo secolo! 

La realtà è che oggi viviamo potenzialmente nel secolo delle opportunità.

Internet ha aperto un universo di opportunità, per l’artista, e non solo. Fino a 15 anni fa ciò che stiamo vivendo oggi era impensabile. La comunicazione era gestita in monopolio dalle reti televisive e radiofoniche. Oggi, se possiedi uno smartphone, il gioco è fatto, puoi comunicare il tuo messaggio al Mondo, attraverso i diversi social: Facebook, Linkedln, Instagram, Tik Tok, Telegram ecc. 

Di conseguenza commercializzare il proprio lavoro artistico non è più ad appannaggio di gallerie e/o intermediari, che decidevano se il tuo lavoro era o meno “interessante” per i collezionisti. Oggi è il potenziale acquirente che direttamente tratta con l’artista. 

La parola Upselling è un termine anglosassone che tradotto significa: “vendere qualcosa accompagnato con uno o più prodotti affini, che completa la scelta fatta” quindi; nella filosofia di ArteDesign, accompagnare l’opera con un tappeto, personalizzato con un dettaglio del quadro stesso, è un’operazione che dona un valore aggiunto ad entrambi le parti, sia all’acquirente che all’artista.   

Realizzare una meravigliosa poltrona d’autore da proporre ai propri collezionisti con il particolare più vibrante di un’opera, presenta l’artista in un nuovo modo, più completo e versatile; con uno sguardo attento della decorazione e il design.

Tali scelte artistiche e di merchandising senz’altro collocano l’artista con una visuale moderna, e con un potenziale di crescita non solo economica ma anche di immagine nel mercato.

Questo è il futuro, ed è già adesso alla portata di tutti gli artisti.

Nella varietà degli oggetti di design made in Italy realizzati in questo primo anno di attività, posizionati nelle più svariate dimore, abbiamo potuto apprezzare il forte impatto che l’opera ricrea nell’ambiente, un’atmosfera ineguagliabile. 

Il mondo cambia e l’arte lo segue, o viceversa? 

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *