Gabriela Aleksandra Szuba

Gabriela Aleksandra Szuba

Biografia

Gabriela Aleksandra Szuba nasce in Polonia nel 1974. Si laurea in economia e commercio nel 1998 e all’inizio del 2000 si trasferisce in Italia dove tutt’ora risiede. Autodidatta che, dopo aver iniziato con la pittura figurativa, scopre, come talvolta accade quasi per errore, la sua vocazione per l’astratto. In piena fase evolutiva, dove la scoperta di nuovi materiali fa intravedere, forse, quella meta a cui dedicarsi… Il paesaggio onirico… I colori stanno diventando sempre più complementari, lo spazio dà la sensazione di un “respiro infinito”, alimentato dalla “fusione” tra il Cielo e la Terra.. Tutto richiama un senso di circolarità rievocando così il ciclo della vita… I suoi dipinti parlano alla voce interiore, spesso ignorata – con i suoi colori e le texture vivaci, ognuno vi porta in un viaggio che richiede la contemplazione e offre scoperta. ...

La mia arte

Condividere i miei doni; abbracciando l'intuizione e la saggezza; gioia, creatività, entusiasmo, energia danzante… E’ questo che alimenta la mia passione per dipingere.

Quando vivo quei momenti, non c'è nulla che ostacola i miei sogni o la mia passione per creare, e la pittura diventa la voce con cui racconto la mia storia.

Sono una pittrice astrattista. Piuttosto che creare un'immagine letterale, cerco di catturare un sentimento o esperienza. In questo modo lo spettatore è più probabile che scopra qualcosa che personalmente è significativo per lui. I miei quadri sono una vera e propria espressione del delicato equilibrio tra lavoro intuitivo e intenzionale.

Quando qualcuno sperimenta una risposta emotiva ad uno dei miei quadri, afferma una profonda convinzione che sto seguendo la strada giusta, la chiamata del mio destino.

Il suo linguaggio pittorico, di stampo informale è contrassegnato da un’intrigante fusione tra reale e surreale e da una compostezza classica proiettata nella modernità. Gabriela Aleksandra Szuba raffigura splendidi paesaggi attraverso armoniche dissezioni, e gesti che sono un tripudio all’estetica e alla sensibilità umana, immagini che sorprendono però, per l’improbabilità delle cromie ed il gusto ricercato delle originali profondità. La sua iconografia descrive una realtà non riconducibile al vero ma interpretata con forti contrasti cromatici, volti a creare una particolare tensione emotiva e a richiamare quella voce interiore spesso ignorata dagli uomini riportandoli alla sensibilità e alla concretezza dei veri valori della vita. Un artista fedele all’espressività nella quale da sempre crede, in continua evoluzione, attraverso la contemplazione, la scoperta di nuovi mondi, che comunica attraverso una poetica in grado di tradurre la pennellata in parola che giunge al cuore. La realtà di luoghi e degli oggetti naturali che si ammantano di mistero, di magia, coinvolgono l’artista e la rendono non solo interprete di scenari senza tempo, illusionista delle emozioni che tali scenari provocano in noi. Questo ruolo di meditazione tra il visibile e l’invisibile, tra la realtà e la fantasia, la mescolanza di effetti visivi è l’identità dell’esperienza artistica di Gabriela Aleksandra Szuba richiamando il suo ciclo della vita proprio per effetto della fusione di cielo e terra. Le tecniche miste sono quanto mai consoni ai colori, degli ambienti naturali riportandoci con una certa freschezza a rivivere sentimenti ed emozioni con il piacere estetico di fruire del sogno e della fantasia dell’artista. Di fronte alle sue opere, di fronte al quel dialogo intimo con la natura attraverso una composizione cromatica e spontanea, senza forzature, e’ impossibile non essere pervasi da una sorta di commozione e di ritorno fluente di nuove sensazioni ad un passato che vive ancora nella nostra memoria.

 

Antonio Castellana

Antonio CastellanaCritico d’arte

ANNO 2014

2014 giugno – ITINERARTE, collettiva, Savigliano (CN)

2014 agosto – LA CICIU LOCANDA, personale, Villar San Costanzo (CN)

2014 settembre – ON THE CORNER, personale, Saluzzo (CN)

2014 ottobre – CAMOUFLAGE PROJECT, collettiva, Coazzolo (AT)

2014 novembre – GALLERISSIMA, collettiva, Torino

2014 novembre – LA FINESTRA SU CASTELLO, personale, Genola (CN)

2014 dicembre – RING AROUND THE ROSES, collettiva, Cuneo

2014 dicembre/2015 gennaio – SPACESCAPE, collettiva, Ostuni (BR)

 

ANNO 2015

2015 febbraio – CAMOULFLAGE PROJECT, collettiva, Vinovo (TO)

2015 marzo/aprile – LE SALON D’ART Alpi Cozzie e Marittime, collettiva, Busca (CN)

2015 marzo/aprile – SALUZZO ARTE, collettiva, Saluzzo (CN)

2015 aprile/maggio – PAESAGGI ITALIANI – II edizione, Galleria Giuliani, collettiva, Fiano Romano (RO)

2015 aprile/settembre – RASSEGNA RET URN, collettiva, Torino

2015 maggio – ITINERARTE, collettiva, Savigliano (CN)

2015 maggio – MILANO ALTERNATIVA, Galleria Passepartout, collettiva, Milano

2015 luglio – PENSIERI PER L’ARTE – collettiva, Cagliari

2015 luglio – PREMIO CITTA’ DI MONTECOSARO, collettiva, Montecorsaro (MC)

2015 luglio/agosto – MUSEO ETNOGRAFICO, personale, Sampeyre (CN)

2015 agosto – PALAZZO DEL PARCO, collettiva, Diano Marina (IM)

2015 settembre – CAMERA DEI SENATORI, collettiva, La Plata (Buenos Aires), ARGENTINA

2015 ottobre – CAMOUFLAGE PROJECT, Confraternita dei battuti, collettiva, Somano (CN)

2015 novembre – CAMOUFLAGE PROJECT, Spazio Arte 24 Gallery, collettiva, Dogliani (CN)

2015 dicembre – CALICI D’ARTE VERUM, collettiva, Montecosaro (MC)

 

ANNO 2016

2016 aprile – CIRCOLO ARCI MARGOT, personale, Carmagnola (TO)

2016 maggio – RASSEGNA RET URN, collettiva, Giaveno (CN)

2016 giugno – BIENNALE AL FEMMINILE, collettiva Bra (CN)

2016 luglio – ARTE NELLA CITTA’, CITTA’ NELL’ARTE, collettiva, Cuneo

 

ANNO 2017

2017 marzo/aprile – LINFA NUOVA, collettiva, Firenze

2017 settembre – LE CONNESSIONI, collettiva, Roma

 

ANNO 2018

2018 giugno – LA FOLLIA, collettiva, Benevento

Opere su ArteDesign

Pozzo della Sapienza

Gabriela Aleksandra Szuba

Varco Temporale

Gabriela Aleksandra Szuba

Prodotti su ArteDesign