Grey Est

Grey Est

Biografia

Sono nata nella Repubblica Dominicana, un’isola del Mar del Caraibi, in quei delle Antille Minori, ho trascorso la mia infanzia tra cavalli, capre, fiumi, riti magici. Credo di avere avuto una infanzia felice, anche se non c’era l’energia elettrica, l’acqua corrente, ne i cartoni animati, ma agli occhi di una bambina di 4 anni era un mondo incantato. Le mie bambole erano color cannella come me, erano fatte di pezza, cucite a mano con stoffe di cotone avanzata, i vestitini li facevo sempre io con gli scampoli delle stoffe dei camicioni di mia nonna Magdalena; Sono cresciuta in un mondo magico ricco di racconti fatti attorno alla luce di una candela, con atmosfere simile a quelle ricreate da Garcia Marquez e Isabel Allende.  Un mondo anche duro, aspro, con molte incertezze, ma pieno di tanto altro. Questa esperienza mi ha arricchito molto spiritualmente. Oggi emergono di prepotenza nelle mie tele, escono le mie memorie di un mondo primordiale. Arrivo alla pittura in età adulta a. A 7 anni la mia vita cambia, mia madre mi porta con lei in Caracas, Venezuela, vivremmo in una zona periferica, chiamata barrios, in brasile si chiamano favele, il nome del mio quartire era “Nuevo Dia” sembrava un nome premonitorio. ...

2009 L’incontro - Un giorno la vita o le circostanze mi fanno conoscere un personaggio particolare, è un babalawo, una specie di medium chiaroveggente che basa i suoi poteri in una religione africana, lui media, tra l'aldilà e la nostra dimensione umana; durante una seduta, mi dichiara: “Lei ha una grande capacità di creare, ma non si è mai ascoltata”, rimango di stucco, la frase mi colpisce allo stomaco; aveva pazzescamente ragione, per la prima volta la verità viene illuminata, rientro in Italia, e dimentico la profezia, dopo 2 mesi, mi trovo a ammazzare il tempo colorando  con pastelli acquerellabili un cartone telato comprato per mio figlio, finito di colorare, per rendere i colori ad acquarelli bisogna  passare un pennello inumidito d’ acqua e al bagnarsi i colori iniziano una magia davanti ai miei occhi, provo sensazioni mai sentite prima, entro in contatto con un mondo sconosciuto dentro me.  Inizio a documentarmi sulla pittura, iniziò a studiare alcune tecniche, e a leggere della vita di alcuni di artisti; la pittura mi darà un senso di pienezza, mai sentito prima. Attraverso l’Arte ho steso un ponte tra me e la mia parte creativa, così, sono nati decine di opere, scritti, progetti, una linea di fantasie per stoffe, con la quale ho personalizzati una mia collezione di kaftani, un progetto contro il razzismo per le scuole e tante altre idee, che vengono dal mondo di Grey Est, oggi marchio registrato. 


Segui l'artista

“Per Grey Est la pittura non può che essere interpretata come trionfo del colore, steso con pennellate di grande intensità, cariche di emozioni e di tracce del proprio vissuto, per raccontare storie coinvolgenti, che sembrano nate in una dimensione immaginifica e sognante, in cui la realtà della vita quotidiana si mescola a una fantasia senza limiti.

Un colore caratterizzato da una voluttà quasi carnale, scelto dall’artista per dare vita a una figurazione volutamente primitivo, che strascina con sé le eco inconfondibile delle esperienze delle prime avanguardie, dai Fauves di Matisse ai tedeschi della Brùcke, fino ad arrivare alle icone misticheggianti di Alexej Von Jawlensky, e di certa pittura degli anni 80’ dalla Transavanguardia ai Nuovi Selvaggi. Eppure il risultato è un intrigante mescolanza di forza e di grazia, come se la Est cercasse continuamente di trovare un equilibrio tra polarità differenti: maschile e femminile, spontaneità e ricercatezza, decorazione e volontà   espressive, con l’intento di definire un linguaggio originale, pronto a spaziare dalla favola alla spiritualità. E in questo inevitabilmente è possibile rintracciare una caratteristica specifica della pittura di Grey Est, che affonda le sue radice nella cultura caraibica, anche se il suo percorso creativo e giunto a maturazione a contatto con le sperimentazioni artistiche europee, la capacità di oscillare tra il sacro e il profano, elementi che l’artista è capace di riconoscere in ogni istante dell’esistenza di ogni essere umano.

 

Pro. Luigi Fiorletta

Pro. Luigi FiorlettaDirettore Accademia Di Belle Arti di Frosinone

Mostra Personale di pittura  “Ilcalore del colore” Sala comunale -Comune di Ceccano – Fr- Marzo 2010

• Collettiva presso “Art Amarillo” galleria a Porto Venere (SP) – Sett 2010

• Mostra personale presso la Chiesa di Scolopi di Alatri (Fr) – Agosto 2011

• Mostra personale presso il parco fluviale di “Aqva Liri” a Isola del Liri (Frosinone) – Ott2011

• Mostra personale presso il Castello dei Conti di Ceccano (Frosinone) – Dicembre 2011

• Mostra personale di pittura presso l’hotel “MIRAMARE” (LT) 2012

• Mostra personale di pittura “Palazzo L-Sp- (PG) 2012

• Mostra Collettiva “PERLE DI COLORE SUL FIUME VELINO” a (RT)2013

• Mostra personale di pittura presso Cassinate Banca- Cassino (Fr) 2013

• Mostra personale di pittura presso il Centro culturale Eurobuildig-Cs-(Vzla) 2013

• Mostra permanente di pittura Hotel Bassetto (Fr) 2013

• Mostra Personale di pittura a Palazzo BERNABEI ad ASSISI (Perugia)– Ott 2013

• Mostra personale di pittura “Arte visiva contemporanea” Villa Comunale di Frosinone Dic 2013

• Mostra personale di pittura – Centro Fideuram

-Roma-Dic 2014

• Mostra personale di pittura “Palazzo Amm.Pr.  Frosinone-Dic 2015

Mostra personale di pittura “Palazzo Zenobio-Venezia   Giugno 2019

—-

Premio “Fratellanza nel Mondo” per la pittura e impegno sociale – 2012

Norman Academy – Roma, “Accademico di Merito” anno 2013

-Medaglia Aurata al merito artistico 2014 –

Norman Academy- Roma-

Accademico d’Onore

Accademia Costantina- Anno2015

Accademico di merito

Accademia Bonifaciana

Anagni- Fr2018

Premio Fratellanza nel mondo 2015- Roma

Opere su ArteDesign

Pelea de gallos dominicanos

Grey Est

Surrealismo Cromatico

Grey Est

Virtuosismo Cromatico

Grey Est

Prodotti su ArteDesign